Offseason for Dummies – 1° Parte

Lasciata alle spalle la stagione 2014, 32 Franchige sono già alle prese con la fase di offseason, fase molto delicata che può elevare il livello di una squadra ad elite con gli innesti giusti, come farla sprofondare nel baratro con scelte avventate o non ponderate adeguatamente. Per tutti coloro che nei prossimi mesi avranno voglia di seguire le sorti della propria squadra, e si troveranno inevitabilmente a dover fare i conti con clausole contrattuali, vincoli di lega, ecc, la redazione di True Blue ha pensato di offrire ai propri lettori un “dizionario” con la spiegazione di molti termini che troverete da qui a Settembre nei vari articoli e siti sparsi nella rete.

Iniziamo sottolineando che l’NFL adotta il vincolo del SALARY CAP. Ogni team ha un “tetto salariale” entro il quale può muoversi per rinnovare o firmare nuovi giocatori, in altre parole un limite di spesa. E’ uguale per tutte le franchige, questo al fine di evitare che proprietari più ricchi di altri possano portare a sé tutti i migliori giocatori rendendo la lega poco competitiva e riducendo lo spettacolo con confronti scontati. Se vogliamo fare un esempio nostrano questo sistema impedisce di ritrovarci come nel calcio dove tre, quattro squadre in ogni campionato lo fanno da padrone riuscendo ad acquistare i migliori giocatori a discapito delle piccole realtà, destinate sempre a un ruolo secondario.

La cifra viene fissata con un calcolo matematico molto complicato, che trae le sue fondamenta nel Collective Bargaining Agreement (CBA), accordo discusso fra i manager della lega, l’associazione giocatori (NFLPA) e i proprietari, il quale, al suo interno, prevede molte clausole comprese le sanzioni per i team che non rispettano tale accordo (pagamento di un’ammenda, cancellazione di contratti, perdite di pick al draft).

Per il 2015 il salary cap sarà di 140.000.000 $.

Se vi troverete a consultare la situazione finanziaria della vostra squadra troverete anche il CAP SPACE, ossia i soldi ancora disponibili per raggiungere il limite del salary cap e DEAD MONEY che vedremo più avanti.

Per quanto riguarda il lato dei giocatori, il loro contratto viene strutturato nel seguente modo: viene ufficializzata la durata e l’importo totale del contratto (es. 5 anni, 15,000,000 $), questo viene denominato CAP HIT. Il cap hit si scinde in due voci: BASE SALARY, è la parte flessibile del contratto, ossia è l’importo non garantito in caso di cessione o taglio da parte del team di appartenenza prima della scadenza; SIGNING BONUS, invece, è la parte fissa e garantita al giocatore fino alla scadenza del suo contratto.

Ricapitolando l’ammontare totale viene suddiviso per il numero di anni di durata del contratto, dove ci sarà una parte che il giocatore avrà garantita fino al termine, l’altra no. La suddivisione dell’importo viene ripartita con varie metodologie (uguale ogni anno, a crescere dal primo, a decrescere, ecc), cosi come la suddivisione dell’importo fra le due voci. Infine il contratto può prevedere dei bonus (raggiungimento di un totale di yard corse, numero di sack, di intercetti, di ricezioni ecc). .

Il DEAD CAP o DEAD MONEY, letteralmente “soldi morti”, è l’importo che la squadra pagherebbe in caso di cessione o taglio del giocatore prima della scadenza del contratto. Nella situazione generale finanziaria della squadra il dead cap sarà l’ammontare dei dead money dei singoli giocatori ceduti o tagliati. Precisiamo che alcuni contratti, oltre al signing bonus, possono prevedere anche degli anni di base salary garantiti fra le varie clausole, che vanno a formare il totale del garantito: esempio pratico prendendo il contratto del TE Gavin Escobar: 4 anni, cap hit totale 4,201,492$, di cui signing bonus 1,442,176 , garantito 2,213,562 (signing bonus + 175K del base 2013 + tutto il base 2014).

Un esempio per capire in concreto quanto sin ora detto possiamo farlo sul Right tackle Jeremy Parnell : contratto di 3 anni, totale cap hit $4,063,088, signing bonus $1,000,000 (che in questo caso corrisponde al garantito totale non essendoci altre clausole).

Year Base Salary Signing Bonus Cap Hit Dead Cap
2012 $540,000 $333,333 $873,333 $1,000,000
2013 $1,023,088 $333,333 $1,356,421 $666,667
2014 $1,500,000 $333,333 $1,833,333 $333,334

Se i Cowboys avessero ceduto o tagliato J.Parnell a inizio 2012 avrebbero avuto tutto il garantito come dead money, il secondo anno invece il garantito 2013 e 2014 (333,333 sono già stati pagati, quindi 666,637), nel 2014 solo per l’anno in corso (333,334).

Voi vi chiederete: quindi che senso ha tagliare un giocatore se poi, pur non avendolo a roster, devi comunque pagargli una parte di contratto? Semplicemente per generare cap space. Infatti, utilizzando l’esempio, se J.J. decideva di tagliare o cedere J.Parnell al suo secondo anno avrebbe si avuto un esborso di 666,667 ma avrebbe guadagnato 2,523,088 di cap space (non dovendo pagare i due anni di base salary 2013/2014).

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.