Next stop Oxnard !!! (ma prima qualche considerazione da minicamp e OTA’s)

Prossima fermata Oxnard !

Esaurita l’Offseason con gli ultimi OTA’s e Minicamp, la prossima data da tenere a mente è quella del 22 Luglio, quando si aprirà ufficialmente il Camp dei Dallas Cowboys che per la 15ma volta si terrà ad Oxnard, Ca. e che tornerà ufficialmente aperto al pubblico. Ci sarà l’intermezzo della Hall of Fame Game il 5 Agosto a Canton, Oh. Contro gli Steelers, mentre il Camp si chiuderà ufficialmente il 12 Agosto con la seconda partita di Preseason il 13 a Glandale, Az contro i Cardinals.

Prima di lanciarci in un mese in cui avremo tempo di approfondire alcuni argomenti rimasti in sospeso dopo il Draft, inclusa l’analisi di alcuni dei giocatori scelti, vediamo quali sono i principali rilievi che si possono fare alla luce delle porzioni di allenamento che sono state aperte alla stampa, partendo dalla Difesa, reparto che avrà puntati gli occhi di noi tifosi e di gran parte degli addetti ai lavori.

Nella delicata posizione di Safety sono stati Kearse e Kazee a rivestire il ruolo di titolari, con Donovan Wilson alle prese con uno sconosciuto malanno che McCarthy non ha commentato ma che non dovrebbe impedirgli di cominciare il Camp a pieno regime. “Un po’ di fastidio – ha commentato lo stesso Wilson – ma nulla che mi possa far perdere altro tempo, per Oxnard sarò pronto senza limitazioni”. Il trio di CB titolari sono stati Brown, Lewis e Diggs. Il rookie Kelvin Joseph ha perso una decina di giorni per un lieve malanno e al suo rientro è normalmente apparso un po’ arrugginito. Jaylon Smith e LVE hanno rivestito i ruoli di MLB e WLB titolari con Keanu Neal a subentrare in determinate situazioni. Parsons e Cox hanno spesso lavorato in coppia, ma nulla in cui leggere più di tanto, lo staff ha fatto sapere che prima di inserirli in rotazione vogliono che i ragazzi vedano ed apprendano il più possibile dai veterani. LVE è per altro apparso in ottima forma e sembra aver beneficiato di tutto il lavoro svolto in offseason. La DL è stato il reaparto dove si sono susseguiti gli “esperimenti” con Lawrence, Gregory e Basham a dividersi le situazioni di rush dall’esterno e Gallimore, Urban e Watkins a dividersi le reps all’interno mentre Hill ha continuato la sua riabilitazione dall’infortunio che ha terminato la scorsa stagione.

Una particolarità mutuata dalla breve era Nolan è la partenza di Gregory e Lawrence da una standing position dalla quale possono rushare o arretrare in copertura. Gregory sembra finalmente un uomo recuperato, a 28 anni e con più partite in cui è stato sospeso di quelle giocate, ma si dice pronto ad assumere finalmente un ruolo da protagonista positivo in quello che è il suo ultimo anno di contratto (ancora quello da rookie per altro).

La starting lineup dell’Attacco non sembra essere in dubbio: QB Prescott, RB Elliott, WR Amari Cooper, WR CeeDee Lamb, WR Michael Gallup, TE Blake Jarwin, LT Tyron Smith, LG Connor Williams, C Tyler Biadasz, RG Zack Martin, RT La’el Collins. “Chiaramente il cambio più grande offensivamente parlando, è la salute dei nostri giocatori – afferma McCarthy – Penso che se guardiamo a quello che abbiamo provato a fare lo scorso anno, molti dei concetti e degli schemi che volevamo e abbiamo provato ad installare, non sono stati nemmeno sfiorati per via degli infortuni. Quindi solo il fatto di essere qui tutti sani è di per se il miglior upgrade per questo reparto”. Tra gli altri Wilson ha lavorato al posto di Cooper ancora alle prese con il recupero dal suo infortunio al piede, stessa cosa per Schultz per Jarwin, McGovern per Martin con Ty Nsekhe  e Knight a dare il meritato riposo a Smith e Collins. Tyron Smith che si è mostrato disponibile e sorridente durante le interviste, evidentemente rinfrancato dalla sua condizione dopo l’operazione al collo di Gennaio.

Prescott, anche se non ha mai partecipato per precauzione alle porzioni di allenamento 11 contro 11 e a quelle contro una DL, ha dichiarato di essersi messo il suo infortunio definitivamente alle spalle e lo stesso dovrebbero fare tifosi e giornalisti “Ho seppellito l’infortunio, ve lo assicuro. Dal qualsiasi punto di vista, sportivo, emozionale o della mia vita di tutti giorni è ormai morto e sepolto nella mia mente, e lo stesso dovreste fare voi se volete darmi davvero una mano ad andare avanti”. Prescott è apparso in forma e ha lanciato in tutti modi possibili, da fermo o in movimento, da destra o da sinistra senza nessuna apparente fatica o limitazione. Ovviamente i veri test saranno i colpi che eventualmente prenderà, ma per questo è tutto rimandato alla Week 1.

Se volete dire la vostra ed avviare una discussione sulle vostre aspettative, dubbi o curiosità in attesa del Camp iscrivetevi al nostro nuovo canale Telegram a questo link: https://t.me/true_blue_blog

Vi è piaciuto questo articolo ? Seguite il blog e volete supportare quello che facciamo ? Aiutarci è semplicissimo, potete effettuare una donazione diretta utilizzando il tasto “Donate Paypal” alla destra della pagina, o potete semplicemente fare qualche click sui banner pubblicitari che compaiono sempre a destra della pagina. Anche il più piccolo aiuto ci consentirà di fornirvi un prodotto sempre all’altezza delle vostre aspettative. Grazie !

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.