I tagli importanti


 

Raga tutto rego.

La free agency è ripartita, e i Cowboys hanno fatto tagli importanti e meno importanti. A risaltare sono i tagli di 3 titolari:

Mister MBIII
Big Davis
Roy Williams

Il vecchio Marion era diventato oramai un peso e, con il suo salario, La Signora ESPN dichiara che “i Cowboys non sarebbero riusciti ad avere neppure un sacco di palloni in cambio di Marion Barber”. Infatti, era inoltre diventato troppo lento, e pure meno forte fisicamente: forse dopo il rinnovo aveva “meno fame”. In ogni caso, il suo taglio non è una sorpresa. Ora è tempo di DeMarco.

Leonard Davis non me l’aspettavo invece. Ok, l’anno scorso ha avuto i suoi alti e i suoi bassi (e pure bassi-bassi) ma ribadisco: non me l’aspettavo. Non siamo abbastanza profondi nel reparto per permetterci la sua partenza, ma evidentemente qualcuno arriverà. In compenso, l’altra nostra guardia titolare, Mister Kosier, ha rifirmato per 3 anni per 9M di dollari. Ok ringiovanire la linea, ma cambiare 3 titolari su 5 nella linea offensiva sarebbe sembrato troppo pure per me che sono megalomane.

E poi c’è il taglio del vecchio Roy: Dom Perignon per tutti. Lui è stato davvero un errore. In 40 partite con i Dallas Cowboys, Williams ha totalizzato 94 catch per 1’324 yards e 13 touchdown. Che delusione. Lui è il classico esempio di tentativo di suicidio di una franchigia: come Russell alla 1a assoluta dei Raiders, o il contratto di Haynesworth dei Redskins, o Janikowski alla 17a assoluta dei Raiders, o Heyward-Bey alla 7a assoluta dei Raiders (eggià: i Raiders sanno distinguersi dalla massa..e bravo Al),..o Tiago o Melo della Juve. Ma col senno di poi è facile parlare ok. Ad ogni modo, il taglio di Roy significa pure che il buon Dezzy avrà più spazio per “aprire le ali” (ancora Signora ESPN) e formare con Miles un duo tra i più forti di questa pazza lega.

Nella posizione di tackle, da notare pure il taglio del buon Colombo, ma questo già era scontato. Già prima del mese di aprile si dava il suo taglio per scontato e, con il pick alla 9a scelta assoluta di quest’anno, non si avevano più avuti dubbi. Avendo firmato il proprio contratto (4 anni per 12,5M di dollari) proprio oggi, sarà Tyson Smith il nostro right tackle quest’anno. Rimane comunque la possibilità che Colombo ritorni con l’America’s Team ad uno stipendio ridotto (mi stavo dimenticando che siamo noi l’America’s Team: mai dimenticarselo, mannaggia). E Cara Grazia che siamo usciti vincenti dalla “dogfight” per firmare Doug Free. Quei Bucs hanno probabilmente alzato il prezzo per il suo rinnovo, ma tanté, alla fine l’importante è che ora abbiamo due tackle di lusso per il futuro. Bisogna proteggere i neosposati.

Ora però che abbiamo guadagnato un po’ di spazio nel salary cap, 18M di dollari per l’esattezza, andiamoci a prendere 2 safety, un DE o NT, e una guardia.

..e un fullback che sappia bloccare, diamine.

Print Friendly, PDF & Email

One Comments

  1. Reply Post By alfanti

    …e niente in arrivo… ASOMUGHA è andato dalle aquile.
    Ero convinto, visto che al DRAFT poco o niente (salvo Carter) si è fatto per la difesa (e a mio avviso giustamente, perché non serve un prospetto futuro, ma qualcosa di certo e subito), che ci saremmo scatenati sui FA… e invece i nomi grossi son passati… non capisco.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.