Garrett affronta gli argomenti più caldi

Vi propongo oggi un estratto dall’intervista rilasciata da Jason Garrett a Pro Football Talk’s. Ve la giro perché affronta qualche argomento interessante, tipo la competizione al Camp e la rotazione dei RB’s, ma vi anticipo che non dovete aspettarvi nessuna dichiarazione sconvolgente, Garrett, come ci ha abituato in questi mesi, non si sottrae dal parlare, ma raramente ci dice qualcosa di definitivamente chiaro. Un po’ nel suo politichese, qualche verità da leggere fra le righe ce la propone, ma alla fine rimarrete con la sensazione di aver sentito esattamente quello che avreste voluto sentirvi dire. Un bene ? Un male ? A voi la scelta ed eventualmente le osservazioni.

Qualche tempo fa Martellus Bennett ha lascito perplesso più di un tifoso suggerendo che dovrebbe esserci competizione tra Romo e Kitna. Quali sono state le tue reazioni a queste affermazioni ?

Beh noi amiamo avere competizione in tutti i ruoli della nostra squadra. Va bene per la posizione di QB, come per qualsiasi altra, come in quella di TE (Marty stai pronto a guardarti tanto Phillips dalla sideline N.d.R.), in Linea Difensiva ed Offensiva, tra i LB’s e i DB’s. Siamo convinti che sia una componente importante, dover andare tutti i giorni al lavoro e lottare per la propria posizione, per il proprio tempo di gioco. E questo vale per il N°1 nella nostra Squadra, fino al N°53, e durante il Training Camp fino al N°80. Tony ha fatto un ottimo lavoro ed è stato molto competitivo in questi anni, il suo desiderio di competere è uno dei suoi tratti caratteristici. Negli allenamenti, durante il Training Camp, in Pre-stagione ed ovviamente durante la Regular Season, è un incredibile competitore. Perciò non ho nessuna preoccupazione sulla volontà di Tony di rendersi competitivo in ogni cosa che fa”

Un altro dei vostri Draft Pick stà creando parecchio rumore: DeMarco Murray da Oklahoma, che avete preso al terzo giro. Si dice addirittura che potrebbe essere lo starter quando comincerà la Stagione. C’è qualche possibilità effettiva che ciò accada ?

“A noi piace DeMarco Murray. Siamo molto interessati a quello che può essere il suo apporto. E’ un RB molto versatile, ha dimostrato di poter correre con la palla, è stato produttivo come ricevitore e come ricevitore in situazione di terzo down, e più di tutto come bloccatore. Sembra avere una perfetta cognizione della protezione e dei blocchi necessari. Perciò amiamo la sua versatilità e il tipo di giocatore che è, pensiamo potrà essere molto produttivo. SI ritorna sempre al solito discorso sulla competizione, crediamo di aver creato competizione per la posizione, e a noi va benissimo così. Vogliamo gente in forte competizione per tempo di gioco e palle toccate, è quello che abbiamo fatto in passato e sarà così anche per DeMarco che prenderà parte a questa competizione”

Devo quindi intendere che l’approccio al gioco di corsa sarà il medesimo degli ultimi anni. I Cowboys si sono distinti per essere tra i primi ad utilizzare non due, ma anche tre RB’s con le medesime opportunità di mettere le mani sulla palla. Pensi di continuare questa rotazione andando avanti ?

“Certo, noi crediamo, e mi sembra che la Lega in generale vada in questa direzione, ci saranno pochissime squadre con un RB che porta la palla 30 volte a partita. Queste cose accadevano quando c’era Emmtih Smith a portare la palla, da allora la situazione è cambiata. Crediamo ancora di dover avere un Corridore di riferimento, ma dobbiamo avere altri giocatori pronti per poterlo tenere fresco ed usarli tutti per attaccare sempre le difese. E’ un po’ come le squadre che hanno dei grandi pass rushers, sembra che siano in più di 4. Ruotano questi giocatori che rimangono freschi e sono sempre pronti ad attaccare le Linee d’Attacco e dare la caccia al QB. Crediamo vi sia un analogia con il ruolo di RB e crediamo che DeMarco potrà essere in questo mix, quando abbiamo avuto la possibilità di sceglierlo, eravamo convinti che fosse la scelta migliore per la nostra Squadra”

Che cosa si possono aspettare dal 2011 i tifosi dei Dallas Cowboys ?

“Siamo eccitatissimi dall’idea di ricominciare, abbiamo avuto momenti molto positivi nella seconda parte dello scorso anno, perciò siamo fiduciosi sul fatto che stiamo percorrendo la giusta direzione. Siamo convinti di avere The Right Kind of Guys nella nostra Squadra e pensiamo di aver fatto delle buone scelte al Draft. Ci piace il nostro Coaching Staff, ci piacciono i nostri giocatori, non vediamo l’ora di rimetterci al lavoro e la cosa più importante di cui abbiamo parlato ai giocatori è di dare sempre il proprio meglio tutti i giorni (Being Great Today N.d.R.). C’è molta gente che fa previsioni certe su come andrà la nostra stagione, ma non è il modo in cui lavoriamo da queste parti. Tutti sanno quali sono gli obiettivi, che cosa vogliamo fare, l’importanza di tornare ad essere la miglior Squadra della Lega. Tutte cose che sappiamo perfettamente, ma quello su cui dobbiamo concentrarci è allenarci al massimo ogni santo giorno e mettendo un ottimo allenamento dietro l’altro, presentarci al massimo per ogni partita. Sarà una grande sfida andare a NY e sfidare i Jets alla prima giornata, farsi trovare pronti e partire con il piede giusto”

Questo e molto altro lo potete ascoltare direttamente quì

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Reply Post By Roberto

    Un bel giro di parole, ma niente di più.
    Il draft è andato nella direzione voluta da Garrett; speriamo che la prossima Regular Season dia ragione a Jason. Ho i miei dubbi. Sia nella prima parte della stagione 2010, che nella seconda, i Cowboys hanno sempre dovuto rincorrere il punteggio e gli avversari. Il draft, a mio modesto parere, non ha risolto i gravi problemi della difesa dei Cowboys, e questo lo pagheremo sicuramente ad inizio stagione 2011, a partire con la prima gara con i Jets.

  2. Reply Post By Blu

    Penso che la filosofia del team ci sarà chiara a breve. Se si investe e tanto in qualche trade allora si è deciso di puntare a qualcosa di “medio-grosso” se le trade saranno poche allora significa che sarà un anno di transizione basato sull’apprendimento del “sistema” di cui parla Romo e in attesa di sistemare al meglio la difesa nell’anno successivo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.