Free Agency 2016 – Passata la tempesta facciamo il punto della situazione

This post is also available in: Inglese

Pensavate di esservi liberati di noi ? Niente football uguale niente articoli ? Ovviamente no, perché è appena iniziata la parte più importante della lunga offseason NFL, che ci accompagnerà fino al kickoff di Settembre.

Per chi non ne fosse ancora a conoscenza, ma anche per chi è già un fans navigato della palla ovale, è da poco cominciata la Free Agency, il periodo durante il quale i giocatori a cui è scaduto il contratto, cercano una nuova sistemazione dove andare a prendere qualche milione in più, o, provano a trovare accordi per rimanere nelle squadre di cui hanno già fatto parte. E’ questo il periodo delle “spese pazze”, dove spesso e volentieri alcuni giocatori vengono sopravvalutati e ricoperti di bei soldoni, in cambio di prestazioni indecenti e un peso sul salary cap negli anni a venire che spesso e volentieri porta i tifosi di quella sciagurata squadra (che ha firmato per 5 anni a 90 milioni un cadavere ambulante), a cercare conforto nella bottiglia di bourbon ormai stantio. Noi tifosi Cowboys, purtroppo, ne abbiamo finite almeno un paio di quelle bottiglie, una sicuramente per il CB più forte degli ultimi 50 anni. No, non sto parlando di Morris Claiborne, ma del suo dirimpettaio, sua incapacità nella copertura (a uomo e non), Brandon Carr.

Ma passiamo oltre, andiamo a vedere come si stanno muovendo in quel di Dallas i nostri amati Coaches e dirigenti.

Non è di certo stato un avvio di Free Agency esplosivo, se vi aspettavate delle esplosioni e inseguimenti stile Mad Max, beh, per quest’anno il signor Hardy (non Tom aka Max Rockatansky, bensì Greg) non verrà ricoperto d’oro per giocare metà campionato senza lasciare alcun segno. Per fortuna dico io, purtroppo pensa qualcun altro.

A oggi, abbiamo confermato Rolando McClain, 1 anno x 5 Milioni $, un’ottima mossa, che ci toglie (forse) un need importantissimo, quello di MLB che sappia coprire il mid-field e dare supporto contro le corse. Il CB Josh Thomas va a rimpolpare un reparto, le secondarie, nel quale bisognerà comunque provvedere adeguatamente al Draft.

Il pezzo da 90, per ora, è stata la firma di Cedric Thornton, ex DE (con un passato da DT, ruolo che molto probabilmente ricoprirà qui a Dallas) di Phila, in 4 anni con gli Eagles ha messo a segno solamente 4 sack, ma ben 171 tackles. I termini del contratto pare siano 4 anni x 18 Milioni $. Thornton va ad aggiungere profondità alla rotazione nella DL di Marinelli, vedremo se aiuterà nell’aumentare la pressione portata sul Qb avversario, parte del gioco che più abbiamo sofferto nell’ultima sciagurata stagione.

Chi ci saluta ? Matt Cassel, con la sua mascella perfetta, andrà a fare da chioccia a Mariota in Tennessee, un addio senza alcun dolore, salutaci DeMarco. Lance Dunbar, la nostra locusta, andrà a parlare con San Francisco, occhio a Chip che con i nostri RB fa sempre affari.

Matt Moore, vecchia conoscenza di Miami e Carolina, incontrerà nei prossimi giorni Garrett & Co. Di sicuro non vogliamo spendere la nostra 1a scelta per un Qb e, di questo, io ne sono molto contento.

Nolan Carroll, un altro ex aquilotto, CB, sembra essere molto vicino ad accasarsi a Dallas. A quel punto, ci ritroveremmo con Scandrick, Carr, Carroll (appunto) e Thomas. Sembra davvero sempre più probabile il taglio dello strapagato Brandon.

Per ora è tutto, vi terremo aggiornati nei prossimi giorni e cercheremo di capire insieme chi e come saranno costruiti i Dallas Cowboys del 2016.

A voi i commenti !

Print Friendly, PDF & Email

One Comments

  1. Reply Post By Mark

    Bene McClain e sicuramente Thornton da mettere in mezzo, con l’altro McClain (sempre che rimanga sano).
    Bene anche il rinnovo di Claiborne che, anche lui se resterà sano, potrà fare solo meglio di quanto visto sinora.
    Molti dubbi sul rinnovo di Hanna (cosa abbiamo preso a fare Swaim???) e Wilber (credo che al suo livello ci sarebbero molti altri in giro e forse a mino costo..).
    Cassell è andato e non piango certamente. Bernardeau è andato a fare soldi come Parnell lo scorso anno per cui vedremo di trovare un C/OG nel draft viste le tante scelte.
    Credo che uno sforzo in FA per trovare un CB e “segare” finalmente Carr lo si potrebbe anche fare … penso che un qualsiasi “vecchietto” potrebbe fare meglio di lui e con un costo decisamente inferiore.
    Bene comunque il trend di non dilapidare salary cap in FA, come invece stanno facendo i nostri cugini “giganti” e “aquilotti” che voglio rivedere tra un paio d’anni con il cap ingessato…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.