Cowboys 35 – Giants 17 – Kellen Moore video session

Per capire meglio cosa succede nel nuovo/vecchio attacco guidato da Moore, non potevo solo attaccarmi ai numeri, anzi, direi che è sicuramente molto più interessante andare a vedere e provare a spiegare di cosa si tratta. Come sempre sono supposizioni, non avendo a disposizione il playbook dei Cowboys, nella speranza comunque di rendere le idee più chiare a chi guarda le partite.

1Q – 4:47 – 2nd and 10

Ho lasciato tutto il pezzo iniziale per farvi apprezzare i movimenti che renderanno il gioco un successo. Si parte con tre ricevitori a sinistra, Cobb va in motion seguito da Cooper e da Witten. Cobb a questo punto torna indietro e due LB lo seguono lasciando così il lato destro del campo in sovrannumero per lo screen chiamato dai Cowboys, che sarebbe potuto anche diventare un TD se Zeke non avesse passato troppo tempo a Cabo… Resta comunque un comodo primo down non con una giocata nuova rispetto al passato, ma preparata in modo tale da creare il mismatch a vantaggio dell’attacco.

1Q – 3:25 – 2nd and 10

Questo è il primo TD della stagione. RPO o non RPO, difficile da dire, di sicuro il movimento (pulling) di Connor Williams che si stacca fa sì che la finta sia molto più credibile. Le Safety dei Giants sono inguardabili e una finta fatta così bene aiuta Jarwin a trovarsi libero dietro i LB, tanto libero che Prescott non crede ai suoi occhi e nemmeno impugna bene il pallone, tanto che ne esce un lancio pessimo che però Jarwin può catturare e portare in end zone con le dita nel naso.

2Q – 13:40 – 2nd and 8

Qui la motion pre snap serve a Prescott per capire che difesa ha davanti, in questo caso a uomo. In una situazione del genere, con Personale 11 in campo, i Cowboys si sentono confidenti di poter provare a fare un guadagno importante e Prescott non ha dubbi nello scegliere Gallupp contro il rookie DeAndre Baker. I Giants blizzano e dato che la Safety non è in aiuto da quella parte la scelta è presa e serve solo lasciare il tempo al ricevitore di guadagnare quel minimo di separazione anche a rischio di prendere una botta come infatti succede. Vi invito a notare dove ha messo la palla Prescott, niente di più preciso, evidentemente in offseason il lavoro è stato molto bene indirizzato anche su questi lanci, testimonianza ne è anche la traccia perfetta corsa da Gallup che lascia al suo QB un corridoio assolutamente sicuro dove mettere la palla che può finire solo a lui o incompleta.

2Q – 10:23 – 1st and Goal 

Questo è meraviglia nella sua semplicità. Finta di Run-Zone-left, bootleg a destra e Witten è strepitoso a vendersi come bloccatore fino all’ultimo secondo salvo staccarsi e passeggiare in end zone. Concetti semplici eseguiti alla perfezione, il segreto di pulcinella del successo in red zone.

2Q – 7:26 – 2nd and 4

Quante volte abbiamo visto Cobb attraversare il campo come specchietto per le allodole ? Beh in questo caso non lo è perché Moore usa l’orizzontalità per creare spazio alle sue armi. Il CB a uomo è cistretto ad attraversare il campo in mezzo al traffico e Cobb può rendere 18 yds. Questi sono concetti moderni.

2Q – 1:19 – 3rd and 6

Linehan avrebbe chiamato una corsa centrale e si sarebbe accontentato di andare al riposo a +10. Moore no e usa un concetto semplice, sposta Jenkins e la singola Safety alta creando superiorità numerica a Destra e lascia Cooper uno contro uno con il rookie senza aiuto. Il lancio di Prescott è anche qui perfetto. Se non vi suona nuovo andate a riprendere la Week 14 a Philadelphia con gli stessi attori.

3Q – 4:03 – 3rd and 8

Anche qui, quante volte in questa situazione ci saremmo accontentati di puntare ? Moore non si accontenta nemmeno in vantaggio 28-10. La difesa parte in Cover 2 che diventa Cover 1 con una delle due a scendere nel box. Il CB su Gallup difende “morbido” e appena gira le spalle fronte sideline, il ricevitore lo taglia fuori. Ancora un angolo di placcaggio pessimo della Safety e Gallup realizza un altro big play.

3Q – 1:18 – 2nd and 5

Chiudiamo con una corsa, dato che non ne abbiamo fatte vedere sino ad ora, questo è il TD finale di Zeke. Anche qui niente di nuovo, Shotgun zone read, ma in questo caso il peperoncino ce lo mettono Austin e Witten che si incrociano e danno ai LB un bel po’ di opzioni a cui pensare mentre Zeke si ritrova con i numeri a proprio favore.

Come detto, sono più o meno concetti conosciuti, ma resi imprevedibili. Tutto molto bello, speriamo si r riesca a mantenere.

Vi è piaciuto questo articolo ? Seguite il blog e volete supportare quello che facciamo ? Aiutarci è semplicissimo, potete effettuare una donazione diretta utilizzando il tasto “Donate Paypal” alla destra della pagina, o potete semplicemente fare qualche click sui banner pubblicitari che compaiono sempre a destra della pagina. Anche il più piccolo aiuto ci consentirà di fornirvi un prodotto sempre all’altezza delle vostre aspettative. Grazie !

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.