Cowboys 21 – Packers 26 – Under Further Review – Defense Edition

Con Rod Marinelli sotto contratto per altri 3 anni, il ritorno di Sean Lee e la possibilità che al Draft venga pesantemente privilegiato il talento difensivo, la percezione di una Difesa che doveva secondo tutti essere di gran lunga la peggiore della NFL nel 2014, non può che essere positiva. Infatti non molto si può rimproverare a questi ragazzi durante l’anno, e forse non moltissimo nemmeno per quegli ultimi due quarti della partita contro GB. Vero è che se nei primi due quarti erano riusciti a limitare Rodgers e compagnia a soli 10 punti in 5 drive, gli ultimi 4 drive dell’incontro sono stati un vero disastro. 30 giochi per 237 yds, 16 punti e un ultimo drive in cui se avevano bisogno di punti ne avrebbero potuti raccogliere. Una Difesa che aveva concesso pochi big plays, ha concesso ai Packers ben 5 giocate da 25+ yds. Per far le cose anche peggiori, contro un Rodgers immobile confronto al suo solito, Marinelli ha mandato nel secondo tempo un solo blitz, uno solo. Abbiamo detto molte volte che blizzare non è nella natura e forse nemmeno nella filosofia di questa difesa, ma lasciare Rodgers comodo nella sua tasca per tutto il secondo tempo…scelta o imposizione ?

In tutto ciò, come sempre, vanno dati i giusti meriti ai Packers che sono usciti dagli spogliatoi dopo l’intervallo con un piano preciso, non esattamente nuovo, in quanto già visto con successo contro Detroit e contro New England, ma che ha comunque messo in grande difficoltà i Cowboys. Spariti dal backfield Lacy e Kuhn, ha fatto la sua comparsa al fianco di Rodgers Cobb. Se con i primi due la Difesa può andare big contro big ed essere sicura di poterli coprire anche con i LB, Cobb richiama ben altre attenzioni, di sicuro quelle del miglior CB, nel nostro caso di Scandrick. Ciò significa avere Carr, Patmon, Moore, e all’esigenza Church, in copertura sul resto dei ricevitori…non si hanno mai abbastanza CB nella NFL. Ma per farla breve, spesso Rodgers allargava anche Cobb, ciò significa avere le mani belle piene per i DB e la necessità di tenere le Safety profonde…non c’è davvero modo che Marinelli potesse o volesse rischiare di mandare extra pressione su Rodgers, troppi i bersagli da coprire e una secondaria in debito di ossigeno, con anche Church infortunato che faceva dentro e fuori dal campo. Ho collezionato un paio di esempi di cui voglio parlarvi più estensivamente nella prossima Film Room, ma credo per ora di aver chiarito il concetto. Ora, di sicuro GB è una squadra che ha in Lacy un punto di forza, ma in questo caso cambiare il Personale con questo aggiustamento ha dato ottimi frutti ed ha aiutato Rodgers a lavorare senza troppa pressione. Rischiare un blitz avrebbe voluto dire lasciare il backfield ad un mancato placcaggio da una figuraccia, certo col senno di poi possiamo dire che non ha funzionato nemmeno l’approccio conservativo, ma è il classico caso in cui devi scegliere che veleno prendere, e Marinelli ha scelto per questo.

Nella partita più importante dell’anno, e alla lunga nella stagione, il bug degli infortuni non poteva non farsi sentire, giocatori che poco o niente avevano giocato durante l’anno si sono trovati a giocare snap importanti ai playoffs. Bishop, Heat, Patmon, Brent, tutti con una ventina di snap a testa, Moore con 63. Certo essere comunque arrivati sin qui senza McClain, Melton. Durant e Claiborne è comunque indicativo del buon lavoro fatto per creare profondità alla squadra, ma certo questes sono partite che vorresti giocare per lo più con i tuoi titolari. Ora spesso sento dire in questi giorni, via Carr, via Claiborne, ma poi è bene pensare che questi avversari andrebbero affrontati con 7/8 DB di livello, e forse sarebbe giusto ragionare per addizione e non per sottrazione in questi ruoli. Comunque…

61 giochi per la nostra Difesa che ha affrontato 35 passaggi e 26 corse, concedendo la conversione di 9 terzi down su 14 e 2 TD in 3 viaggi in red zone. Pochissimi giocate importanti nella partita più importante, con il solo Mincey a fare la parte del leone, se così si può dire. Concessi 5 giochi da 25+ yds e in nessuno di questi Marinelli aveva chiamato un blitz, 2 i sack messi a segno. 6 i blitz chiamai con Rodgers che ha completato 2 passaggi per 14 yds in queste situazioni.

1 sola palla recuperata e il 64% di conversioni concesse al terzo down, sono numeri che difficilmente stanno dalla parte dei vincenti. Quello che sicuramente serve a questa Difesa è aggiungere delle armi importanti in pass rush. Se Marinelli decide che la migliore tattica è rushare con 4 uomini, questi 4 devono essere in grado davvero di creare scompiglio nel backfield avversario. Un giocatore come Rodgers (possibile MVP non a caso) può trovare i suoi bersagli anche su una gamba sola se ha tempo di farlo.

Nonostante tutto i progressi visti nel reparto sono evidenti e, con Marinelli alla guida, e con ottime probabilità che gran parte delle risorse di questa offseason verranno investite per la Difesa, la possibilità di ulteriori miglioramenti è reale e concreta. Ormai sappiamo lo specimen richiesto da Rod, giocatori che si lanciano al massimo delle potenzialità nella lotta per 60 minuti e in ogni azione fino al fischio dell’arbitro, “High Motor Guys” si usa dire. C’è bisogno di ulteriri Mincey o Scandrick per cercare di arrivare in fondo il prossimo anno.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.