Considerazioni sul secondo giorno di Draft

Il secondo giorno del Draft è di gran lunga il giorno più interessante per i tifosi di football americano; viene identificato solitamente come il giorno degli scout proprio perché si possono pescare ancora dei prospetti con molto talento e magari non tanto conosciuti e reclamizzati dalla stampa sportiva.

Scegliere bene al secondo giorno del Draft è fondamentale per le sorti di una Franchigia NFL e Dallas da questo punto di vista aveva una ottima possibilità, avendo 4 scelte (pick #44 al 2° giro, pick #75-84-99 al 3° giro), di migliorare il proprio roster e soprattutto la propria difesa.

Purtroppo, almeno stando ai ranking degli esperti (Dane Brugler, Mel Kiper e Daniel Jeremiah) pare che le cose non siano andate bene e di seguito vediamo il perché.

  • pick #44 al 2° giro: i Cowboys hanno selezionato Kelvin Joseph, CB, Kentucky andando a colmare la need più grande del roster, dopo aver mancato alla pick #10 del primo giro i 2 top CB Jaycee Horn e Patrick Surtain. Si tratta di un CB veloce (4.32 s sulle 40 yards) ben costruito fisicamente per gestire in copertura tutti i tipi di ricevitori all’esterno. Ha buone ball skills e sa anche essere fisico, il che lo rende anche buono contro le corse. La sua storia al college però è stata macchiata ad LSU da un provvedimento disciplinare che lo ha costretto poi al trasferimento a Kentucky dove ha giocato nell’ultima stagione: i tape mostrano in particolare una ottima performance (0/3 di ricezioni concesse ed un intercetto contro Mac Jones) contro Alabama e il neo rivale divisionale Devonta Smith. Dall’altro lato della medaglia c’è da riportare invece una prestazione disastrosa contro Florida di Kyle Pitts a cui ha concesso in marcatura ben 3 TD. Sicuramente non è un CB fatto e finito come i suoi colleghi che sono stati scelti al primo round ma potrebbe essere una scommessa vincente.

Personalmente considero questa pick fatta nel nome di una need piuttosto che per valore avendo notato che molti analisi lo davano come un prospetto da fine secondo giro e metà del terzo: i BPA a quel momento disponibili erano l’Edge Azeez Ojulari (finito ai rivali divisionali dei Giants), l’OT Sam Cosmi (finito ai rivali divisionali di Washington) e soprattutto il LB Jeremiah Owusu-Koramoah (a cui sarebbe andata la mia scelta nonostante la presa di Micah Parsons il giorno precedente)

Curiosità: Joseph è un giocatore con diversi interessi fuori dal campo di football ed in particolare è un rapper conosciuto col nome di Bossman Fat e pare che abbia all’attivo più album pubblicati che intercetti

  • pick #75 al 3° giro: i Cowboys hanno selezionato Osa Odighizuwa, DT, UCLA andando a puntellare la linea difensiva soprattutto contro le corse, essendo questo il punto di forza di questo giocatore. Odighizuwa è stato uno dei migliori al Senior Bowl, dimostrando una capacità di giocare su tutta la linea difensiva e quindi anche da end. E’ un giocatore solido, ha un buon leverage (all’high school era stato anche un campione di wrestling), usa bene le sue veloci mani ed ha l’atletismo e la lunghezza adeguata per battere i blocchi e arrivare al quarterback avversario. Dovrebbe avere la possibilità di competere subito per un  minutaggio importante e se non altro potrebbe essere un giocatore rotazionale per Dallas. In definitiva si tratta di un giocatore che ha molto senso nella difesa di Dan Quinn essendo un lineman atletico e che può controllare i bloccatori avversari ed è implacabile allo snap.

Personalmente non sono un fan di questa pick anzi trovo che si tratti di una pick sbagliata in quando Dallas aveva già a roster altri due DT 3-tech come Trystan Hill e Neville Gallimore scelti entrambe al 2° giorno degli ultimi due Draft. Col senno di poi avrei di gran lunga preferito una trade up per arrivare alla scelta di un DT 1-tech come Alim McNeil che però al momento della scelta di Dallas era già stato draftato 3 pick prima dai Lions (il FO di Dallas però aveva già annunciato in conferenza stampa che ognuna delle pick del 2° giorno era importante per abbassare il cap level dei Cowboys, già compromesso dopo la firma del contrattone in preseason di Dak Prescott).

  • pick #84 al 3° giro: i Cowboys hanno selezionato Chauncey Golston, DE, Iowa che è un’ottima opzione come rusher rotazionale che può allinearsi sia come end che come interno nella linea difensiva. Dallas aveva bisogno di un po’ di profondità della linea difensiva e forse Golston può dare un buon contributo. Non è una scelta entusiasmante, ma potrebbe ritagliarsi una solida carriera. Dallas per me qui ha sprecato una scelta per la sua ricostruzione difensiva visto che era un prospetto per molti analisti da terzo giorno.. Nella migliore delle ipotesi è un backup essendo un edge solo buono contro le corse ma incapace di arrivare al QB dall’esterno.

Personalmente avrei di gran lunga preferito altri tipi di edge con più upside come Patrick Jones II e Ronnie Perkins entrambe scelti poche pick dopo e finiti rispettivamente a Minnesota e a New England

  • pick #99 al 3° giro: i Cowboys hanno selezionato Nahshon Wright, CB, Oregon St. Si tratta di un giocatore a me sconosciuto e dato da molti al 7° giro o peggio come undrafted, scelto solo perché ha i tratti del CB lungo (6’4”) che tanto piacciono al DC di Dallas, ma proprio per questo motivo si sarebbe potuto trovare disponibile al terzo giorno del Draft!

Personalmente ritengo questo un reach assoluto, peggiore scelta in assoluto del secondo giorno del Draft e la cosa mi lascia basito soprattutto perché in quel momento erano ancora disponibili CB per me interessanti come Ifeatu Melifonwu (andato poche pick dopo ai Lions) e soprattutto Elijah Molden (scelto poche pick dopo dai Titans) che si sarebbe potuto sviluppare anche come FS analogamente a quanto accaduto per il neo acquisto Demonta Kazee ai Falcons con Dan Quinn.

Se volete dire la vostra ed avviare la discussione sulle scelte del secondo giorno di Draft iscrivetevi al nostro nuovo canale Telegram a questo link: https://t.me/true_blue_blog

Vi è piaciuto questo articolo ? Seguite il blog e volete supportare quello che facciamo ? Aiutarci è semplicissimo, potete effettuare una donazione diretta utilizzando il tasto “Donate Paypal” alla destra della pagina, o potete semplicemente fare qualche click sui banner pubblicitari che compaiono sempre a destra della pagina. Anche il più piccolo aiuto ci consentirà di fornirvi un prodotto sempre all’altezza delle vostre aspettative. Grazie !

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.